Creazioni con gli stuzzicadenti: l’artista parmigiano Samuele Aimi si racconta

Creazioni con gli stuzzicandenti!!

Oggi parliamo di Samuele Aimi, giovane ed inventivo artista parmigiano che spopola tra grandi e piccini.aimi

Samuele ha iniziato da giovanissimo, da una battuta detta dalla sorella che, alla richiesta di una casa in montagna, gli suggerì di iniziare a costruirla. Dal momento che si trovavano a tavola, l’unico materiale disponibile erano gli stuzzicadenti. E da lì Samuele non si è più fermato.

Crea e costruisce nel tempo libero, non perde un secondo della giornata per sviluppare le sue idee.

Dopo un primo periodo di gioco, decise di fare sul serio all’età di 16-17 anni che, durante un’afosa estate costruì uno stadio delle dimensioni all’incirca di una cassetta da frutta. Samuele fin dalle prime creazioni è attentissimo ai particolari e lo stadio lo costruì con erbetta seminata e calciatori. Purtroppo però l’erbetta va innaffiata e lo stadio venne distrutto da un'”inondazione”. Ma un artista è sempre alla ricerca, segue l’innovazione e il miglioramento. Da questo punto di vista Samuele Aimi è un vero artista!

La sua vera passione però sono i castelli ai quali si dedica anima e corpo e concentra tutto il suo lavoro e la sua ricerca.

Le costruzioni ispirate all’era medioevale partono da una semplice torre, fino al progetto un castello vero e proprio. L’edifico era composto da una torre principale, la residenza del re, quattro torri agli angoli e mura difensive.

Ma la cosa sorprendente non sono tanto le torri e le mura, ma gli interni. Vi sono vere e proprie stanze arredate: dai letti, alle candele, dai mobili al cibo, dalla stanza del re a quella del mago con tanto di libri di magia. Considerate che queste creazioni non sono più grandi di una cassetta da frutta, tutti gli oggetti in proporzione. Che precisione e tecnica!! La struttura è smontabile e gli interni visibili. I materiali utilizzati per questa creazione oltre agli  stuzzicandenti sono: fiammiferi, balsa, piombo, stagno, sughero, tessuti, rame e paglia. Pensate che tra il cibo vi è persino un salame legato con un capello. Io lo trovo davvero sorprendente!! Ci mise ben tre anni per completare questa fantastica creazione con gli stuzzicadenti.

image1-2             xblog2

Ma secondo Samuele si poteva fare di meglio e riprende la ricerca dei materiali fino a scoprire le lastrine di legno da modellismo. Quindi i mobili diventano ancora più pregiati: dalla balsa si passa al legno di noce, ciliegio e mogano.

L’estetica e la qualità subirono una vera e propria rivoluzione.

Cambiò l’utilizzo delle materie prime nella costruzione: vennero introdotti ottone, rame, paglia e tessuti e lo stagno prese il posto del piombo che col tempo tende ad imbruttire. Inoltre Aimi pensò di utilizzare lo smalto per proteggere le sue creazioni e renderle più belli.

I legni che compongono i pavimenti resero la struttura indubbiamente più solida, più bella accrescendo anche il proprio valore.

Pensate che per il secondo castello, dato che vi era la sperimentazione di nuovi materiali, durò ben 5 anni!!!!

In questo periodo Samuele si dedicò alla creazione di giardini in miniatura, di cui sono onoratissima averne ricevuto in regalo la versione autunnale.

I giardini sono piccoli quadrati composti da un laghetto, un albero, un lampione e una panchina rappresentati nelle quattro stagioni.

image2-1

Come già dicevo in precedenza Samuele Aimi non si ferma mai. La novità di quest’anno è la creazione di una chiesa. l’artista si è lanciato in questa nuova sfida e sperimentazione! Infatti il legno non era soddisfacente, non riusciva a rappresentare realmente una chiesa. E’ così che ha iniziato ad introdurre come nuovi materiali vari tipi di stucchi, ottenendo così l’effetto desiderato. Questo progetto però è stato al momento sospeso, per ritornare al primo amore: i castelli! Questa volta però con l’utilizzo degli stucchi per dare un effetto e una solidità completamente nuovi.

Ci tengo a precisare che non vi è nulla di comprato o già fatto. E’ tutto frutto di fantasia e ricerca. Alcuni mobili e i calciatori sono stati ricavati da pietra di fiume, per esempio.

E’ facile incontrare Samuele con lo sguardo chino a terra per cercare quel sasso, quel pezzo di carta o legnetto che possa essere utilizzato per le sue creazioni con gli stuzzicadenti ;)!

Samuele Aimi è un artista completo e soprattutto innovativo!!xblog3

Le sue creazioni possono essere un elemento prezioso per abbellire e dare un tocco di originalità alla vostra casa o un regalo di valore per persone importanti, che ne sappiano apprezzare la bellezza e genialità!!

Auguro un futuro strabiliante a questo giovane e singolare artista, con la speranza che un domani (non troppo lontano) possa affermarsi come tale e possa dedicarsi esclusivamente alle sue creazioni.

Abbiamo bisogno di menti brillanti come la sua!!

Non esitate a contattare Samuele per avere maggiori informazioni o dettagli (s.aimi@me.com)

 

Se pensi che questo articolo ti sia piaciuto o,l’hai trovato interessante metti un Like e/o Condividi.